COVID-19: MOSAICO INSIEME AL COMUNE DI TORINO PER AIUTARE I SENZATETTO.

L’associazione di rifugiati ha chiesto il supporto dell’Assessorato delle Pari Opportunità per portare cibo e kit igienici negli edifici occupati.

 

L’associazione di rifugiati Mosaico è al fianco delle istituzioni per aiutare i senzatetto di Torino ad affrontare l’emergenza Covid-19.

“In questi giorni -ci racconta il presidente Berthin Nzonza – gli operatori dell’associazione, nell’ambito del progetto Oasi on the street, stanno monitorando le strade della città e le stazioni, stanno cercando di capire cosa succede negli edifici occupati, quali sono i bisogni di chi vive lì e anche di chi passa la notte nei dormitori ma al mattino si ritrova in strada”. “Con le restrizioni previste dai decreti -spiega Nzonza- le mense, le case di quartiere, le biblioteche e tutti gli spazi diurni di aggregazione sono chiusi. E in tanti restano per strada tutto il giorno senza la possibilità di proteggersi da un eventuale contagio”. Ma qualcosa si sta muovendo nel verso giusto: l’associazione Mosaico è stata invitata al tavolo convocato dall’assessorato dei Diritti e delle Pari Opportunità del Comune di Torino, insieme ai responsabili dell’ufficio stranieri e dei servizi sociali, e qui ha presentato le sue proposte: portare cibo e kit igienici negli insediamenti informali della città e intervenire, dove necessario, con assistenza sanitaria attraverso i medici della rete GrIs (Gruppi Immigrazione e Salute).

L’associazione in realtà ha già cominciato a darsi da fare in autonomia grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo -spiega il presidente di Mosaico- ma è importante che queste azioni vengano supportate dal Comune e venga definito un intervento strutturato”.

Dal canto suo, l’amministrazione comunale ha comunicato che sta già provvedendo a dare una risposta al problema dei centri diurni: sono state individuate alcune strutture che nei prossimi giorni verranno aperte al mattino per accogliere i senza fissa dimora. Qui, con l’aiuto dei mediatori culturali e degli operatori dell’associazione, verranno date ai migranti anche le informazioni sulle norme per prevenire il contagio.

Tutto ciò che occorre sapere per affrontare l’emergenza è anche sul sito di Mosaico dove sono riportate in italiano, inglese, francese e arabo le indicazioni igieniche da seguire, le disposizioni per gli spostamenti e i numeri da contattare in caso di sintomi.

 

 

Mosaico-Azioni per i rifugiati è un’associazione fondata nel 2006 da un gruppo di rifugiati. Nel 2018 ha vinto il bando PartecipAzione con il progetto Oasi che aiuta i migranti e alle persone più vulnerabili a orientarsi a Torino e a conoscere i servizi disponibili per loro sul territorio. Da questo lavoro è poi nata anche una app, Oasi on the street.-